rf_cchevelu_4

Come liberarsi della forfora nei capelli

Queste antiestetiche particelle bianche che si depositano sulle spalle delle giacche o sui colletti delle camicie disturbano la vita di una persona su due.

È una condizione comune, ma socialmente significativa, non solo per il numero di persone colpite, ma anche per l'impatto che può avere sul loro comportamento.

Le ragioni principali sono le ripercussioni estetiche, la forfora visibile sui vestiti, il prurito intenso e incessante del cuoio capelluto o la mancanza di pulizia dei capelli su base giornaliera, anche se si lavano i capelli ogni giorno. I vestiti scuri diventano molto difficili da indossare, perché rivelano a tutti questo problema del cuoio capelluto!

Ma la forfora riflette un problema fisiologico più profondo. Può compromettere seriamente la salute dei capelli.

Allora come possiamo affrontare questo fenomeno e riscoprire il piacere di apparire eleganti con una bella giacca nera o sofisticate con un vestitino blu?

Da dove proviene la forfora?

Il normale tempo di rinnovamento delle cellule del cuoio capelluto è di 21 giorni. In un cuoio capelluto sano, la desquamazione dei corneociti (lo strato corneo dell'epidermide) è un fenomeno normale. Si svolge in modo invisibile, poiché le particelle sono molto piccole. Misurano, infatti, circa 30 micron.

Le cellule morte del cuoio capelluto vengono sparse come piccole scaglie invisibili. Tuttavia, se c'è infiammazione ed eccesso di desquamazione, le cellule morte si accumulano e diventano visibili. Questo fenomeno si chiama forfora.

Nel caso di cuoio capelluto infiammato, la desquamazione delle cellule epidermiche diventa visibile perché le particelle sono più grandi. Possono essere più grandi di 200 micron.

rf_cchevelu_56

La forfora non è di per sé un fungo. Invece, la comparsa della forfora inizia con l'azione della Malassezia Globosa, un fungo che si trova naturalmente nella flora microbica del cuoio capelluto di ogni individuo. Ma nel caso della forfora, la sua popolazione aumenta. Questo lievito si nutre di sebo, che dovrebbe proteggere il cuoio capelluto, e a sua volta produce acidi grassi che irritano il cuoio capelluto. Ciò provoca la sensazione di prurito. Il cuoio capelluto reagisce a questa irritazione accelerando il processo di rinnovamento cellulare, che a sua volta aumenta la desquamazione. Inizia il circolo vizioso!

La forfora, chiamata Pityriasis Capitis, è costituita da un gruppo di diversi cheratinociti legati insieme da una forma di cemento.

Sono sufficientemente grandi e consistenti per essere visibili e formare la "polverina" che tutti conoscono.

Quali sono le cause della forfora?

Vi sono 3 condizioni di forfora diagnosticabili (forfora secca, forfora grassa e dermatite seborroica del cuoio capelluto).

Qualunque sia il caso, le cause esatte non sono ben note. Tuttavia, sembra che la comparsa della forfora sia il risultato di una combinazione di diversi elementi.

Quali sono le cause della comparsa della forfora?

  • Proliferazione accelerata delle cellule basali dell'epidermide del cuoio capelluto

Questo fenomeno, quando si riduce a tre giorni invece dei consueti otto, porta a una desquamazione più significativa. Lo strato corneo è più sottile e i lipidi del cuoio capelluto vengono alterati.

  • Proliferazione locale di un lievito saprofita: Pityrosporum Ovale

Questi lieviti si nutrono di materia organica e di cellule morte. Normalmente rappresentano il 50% della flora saprofita di un cuoio capelluto sano e sono presenti nel 75% delle condizioni di forfora. Questa crescita può essere causata da una seborrea significativa (secrezione di sebo). Questo lievito trasforma i trigliceridi del sebo in grassi irritanti, il che ovviamente provoca prurito e reazioni infiammatorie che accelerano il rinnovamento delle cellule del cuoio capelluto.

  • Seborrea

Svolge un ruolo permissivo, poiché il lievito saprofita, Pityrosporum Ovale, è solubile nel grasso.

Una teoria genetica suggerisce anche che la diminuzione dell'immunità locale favorisce lo squilibrio della flora permettendo al Pityrosporum Ovale di proliferare.

  • Alterazione della funzione barriera del cuoio capelluto

Questa alterazione porta a una diminuzione dei lipidi intercellulari del cemento intercorneocitario, che interrompe la capacità di ritenzione dell'acqua. La diminuzione del tasso di idratazione si traduce in un funzionamento ridotto degli enzimi responsabili del deterioramento dei corneociti, che causa la forfora.

rf_cchevelu_47

Fattori interni

Lo stress, il superlavoro, l'iperseborrea e la mancanza di sonno contribuiscono tutti agli squilibri del cuoio capelluto e possono causare la forfora.

Fattori esterni

L'inquinamento, la qualità dell'acqua, l'uso di prodotti per capelli inadatti e i fattori stagionali possono portare a un'eccessiva desquamazione del cuoio capelluto.

Due tipi di forfora

Forfora semplice

È il tipo che provoca la comparsa di "polvere bianca" sulle spalle.

È rara nei bambini. Questo tipo di forfora appare nella pubertà e tende a diminuire con l'età, causando il maggior numero di problemi tra i 20 e i 30 anni.

Queste condizioni evolvono in riacutizzazioni, a volte innescate dallo stress, ma anche da fattori dietetici, terapeutici o stagionali. Questo tipo di forfora è infatti meno abbondante in estate che in inverno.

Vi sono due sottocategorie facili da differenziare, secondo il loro aspetto e l’aderenza al cuoio capelluto: forfora secca o grassa.

Forfora secca, conosciuta anche come Pityriasis Capitis

Questa forfora consiste in particelle secche molto fini, come suggerisce il nome, che si staccano facilmente da un cuoio capelluto secco.

rf_cchevelu_46

Questo è il tipo più comune di forfora. La forfora secca appare principalmente tra i 15 e i 30 anni. In questo caso, vi è un rinnovamento accelerato delle cellule del cuoio capelluto: Da 7 a 10 giorni invece dei soliti 21 giorni.

Si presenta come una polvere secca, fine, bianca o grigiastra, e si sfalda quando si gratta leggermente il cuoio capelluto.

Non aderisce a un cuoio capelluto secco, ma non vi è rossore o trasudamento. Tuttavia, può causare irritazioni.

Questa condizione può essere corretta rapidamente con il trattamento appropriato. Va notato che, anche se questo problema è facilmente risolvibile, può ripresentarsi.

Consigliamo, quindi, di utilizzare uno shampoo antiforfora con principi attivi naturali. Gli oli essenziali, ad esempio, con le loro proprietà purificanti, elimineranno la forfora secca e limiteranno il rischio di recidive. Altri principi attivi possono ridurre il prurito e limitare la secrezione di sebo in eccesso da parte delle ghiandole sebacee.

Forfora grassa o Pityriasis Steatoide

La forfora grassa è molto più grande della forfora secca perché è legata dal sebo, che agisce come una colla.

rf_cchevelu_53

A differenza della forfora secca, la forfora grassa può colpire i capelli.

Attaccate insieme, le particelle formano uno strato untuoso compatto sulla superficie del cuoio capelluto, che soffoca le radici dei capelli e che può portare alla perdita dei capelli. Più sebo viene secreto, più l'epidermide è asfissiata. Più l'epidermide soffoca, più sebo produce. È un circolo vizioso che deve essere spezzato.

La forfora grassa si trova principalmente nella zona dietro le orecchie e vicino alle tempie. Appare principalmente nella pubertà. Ha l'aspetto di squame grasse, giallastre, amalgamate dal sebo. Si attacca ai capelli ed è esacerbata dall'infiammazione del cuoio capelluto.

È spesso accompagnata da un intenso prurito, che può causare lesioni che possono infettarsi.

Il trattamento della forfora grassa è più complesso di quello della forfora secca.

Condizioni di desquamazione associate a dermatosi

Questa categoria di forfora comprende la dermatite seborroica del cuoio capelluto, la psoriasi, l'ittiosi, la tigna e la pitiriasi amiantacea.

Queste sono condizioni croniche del cuoio capelluto che richiedono attenzione medica.

Allora, come si fa a liberarsi da questa antiestetica forfora?

La presenza di forfora è, prima di tutto, un problema estetico. Il desiderio di tutti coloro che soffrono di forfora è di ritrovare rapidamente dei capelli belli, sani, puliti e senza scaglie.

Oggi, diamo sempre più importanza al nostro aspetto, alla nostra immagine seducente, ma anche al nostro benessere. Psicologicamente, l'eliminazione della forfora ci permette di ripristinare il nostro benessere e la nostra fiducia.

Un trattamento efficace deve soddisfare due funzioni:

  • eliminare la forfora in modo rapido, completo e permanente;
  • prevenirne la ricomparsa.

Il rischio di ricomparsa deve essere trattato. Dopo tutto, con una ricomparsa, l'infiammazione aumenta... così come lo stress di veder riapparire la forfora. Il cuoio capelluto diventa più pruriginoso, il Pityrosporum Ovale continua a crescere. Diventa uncircolo vizioso. 

Per riassumere, la forfora appare a causa di un processo in quattro fasi: la moltiplicazione delle cellule epidermiche, la desquamazione eccessiva, la proliferazione dei lieviti, così come l'irritazione e l'infiammazione.

Uno shampoo antiforfora deve quindi agire in modo mirato su queste quattro cause per rispondere in modo efficace, rapido e soprattutto duraturo a questo problema:

  • regolando la proliferazione della forfora
  • eliminando la forfora
  • limitando la proliferazione batterica
  • calmando il prurito 

Per fare ciò, l'uso di principi attivi naturali è molto importante. Non solo sono molto efficaci, ma sono anche rispettosi del cuoio capelluto che, a causa del suo stato infiammatorio, ha bisogno di essere trattato delicatamente.

Tra questi principi attivi naturali, l'olio essenziale di Tea Tree (Melaleuca Alternifolia) è un forte alleato nella lotta contro la forfora. I suoi benefici terapeutici sono molteplici:

  • purificante, limita la proliferazione batterica
  • detergente, elimina la forfora
  • lenitivo, dà sollievo al prurito.

Le foglie di questa pianta sono anche usate dagli aborigeni australiani per trattare ferite aperte e infezioni della pelle.

rf_cchevelu_54

La canfora è anche un altro ingrediente eccellente, poiché ha un effetto rinfrescante sul cuoio capelluto. L'estratto di Curbicia, con le sue proprietà anti-seborroiche, aiuta anche a regolare l'eccesso di sebo e a riequilibrare il cuoio capelluto.

rf_cchevelu_55

L'olio di cartamo, una specie particolare di cardo, è noto per le sue qualità nutritive e l'eccellente potere idratante. Il suo olio è molto ricco di acidi grassi essenziali che ripristinano il film idrolipidico. Questi nutrienti sono essenziali per la salute del cuoio capelluto secco e quindi per la bellezza dei capelli.

Combinando questi principi attivi naturali con altri agenti che aiutano a normalizzare il rinnovamento cellulare e ad eliminare la forfora senza sforzo, uno shampoo può offrire un'azione purificante duratura e limitare così il rischio di ricomparse. Il risultato è visibile: il cuoio capelluto è pulito e i capelli diventano di nuovo morbidi e brillanti.

È solo agendo a lungo termine che un trattamento può rivendicare la vera efficacia antiforfora dei suoi principi attivi.

rf_cchevelu_36
Forfora: consigli utili

Suggerimento 1: Usa prodotti per lo styling che non siano troppo aggressivi.

Suggerimento 2: Scegli gel per lo styling senza silicone e che contengano poco alcol.

I NOSTRI PRODOTTI STUDIATI PER TE

Shampoo antiforfora Forfora secca Cuoio capelluto secco

Melaleuca

Shampoo antiforfora Forfora secca Cuoio capelluto secco

Rimuove la forfora secca

Shampoo antiforfora Forfora grassa- Cuoio capelluto grasso

Melaleuca

Shampoo antiforfora Forfora grassa- Cuoio capelluto grasso

Riduce il sebo - Elimina la forfora

Gel esfoliante antiforfora

Melaleuca

Gel esfoliante antiforfora

Purifica

rf_engag_engagements
Torna all'inizio