rf_mag_mmhai_nicolasberetti_principal_visual_1-1

Io, i miei capelli, ecc.

Essere calvi può essere un lavoro?

Nicolas Berretti,

imprenditore

Come superare la perdita dei capelli rasandosi la testa

Nicolas è un imprenditore. Ma soprattutto è un unificatore. Tutti i calvi che accettano la loro condizione possono seguirlo. Nicolas ha creato il Bold Club. È riuscito a trovare quel qualcosa in più, la sicurezza forse, in grado di unire chi ha molti meno capelli, e che ha deciso di radere via tutto per non nasconderlo più. Ci racconta come lui stesso si è avvicinato gradualmente a questa esposizione, e come gli è venuta l'idea di creare questa comunità di “crani” solidali, con servizi, consigli e prodotti personalizzati per aggiungere un po' di gioia alla vita quotidiana, e piantare anche alberi. Sì, quando si è audaci si hanno molte idee, eleganza e orgoglio... che rimangono in ogni caso.

  • <span class="ezstring-field">rf_mag_mmhai_nicolasberetti_triptych_visual_1_4-5</span>
  • <span class="ezstring-field">rf_mag_mmhai_nicolasberetti_triptych_visual_2_4-5</span>
  • <span class="ezstring-field">rf_mag_mmhai_nicolasberetti_triptych_visual_3_4-5</span>

Come hai vissuto la tua caduta dei capelli? 

Avevo poco più di vent'anni ed è stato molto difficile per me. Ti chiedi perché; ti confronti con gli altri, perdi fiducia. Fino a quando non ti radi e non diventa più un problema.

Quando hai deciso di raderti la testa?

È stato abbastanza graduale. Man mano che i capelli se ne andavano, la lunghezza si riduceva. Ma ricordo chiaramente un'estate: ero con il mio migliore amico che stava anche lui perdendo i capelli, e abbiamo deciso di rasarci. Abbiamo detto: “Facciamolo insieme”. Era la prima volta che mi vedevo rasato. Abbiamo fatto una foto. La mia ragazza di allora pensava che stessi molto bene, così ho pensato che andasse bene e fosse il nuovo standard. 

Infatti, ci siamo motivati a vicenda, ci siamo sentiti meglio. È proprio lì che sono nate le "radici" del club Bold, dicendo: calvo è meglio. All'inizio era solo una promessa, una convinzione. Avevamo in mente un po' una caricatura maschile. Abbiamo pensato: ecco, un uomo è semplice, non c'è altro da dire. A differenza di tutti gli uomini che passavano ore nel bagno con le loro chiome.

rf_mag_mmhai_nicolasberetti_verbatim_visual_1_4-5
È proprio lì che sono nate le "radici" del club Bold, dicendo: calvo è meglio.
rf_mag_mmhai_nicolasberetti_verbatim_visual_2_4-5

È cambiato molto nel tuo look e nella vita quotidiana?

Da allora, ho sempre avuto la barba. Perché sì, non crescono in alto, quindi cresceranno in basso. Almeno si ha il controllo della situazione e l’aspetto è migliore che completamente senza peli. 

Altrimenti, più o meno ce lo siamo detto tutti, è obbligatorio stare in forma, allenarsi. Essere calvi può essere di classe solo se non si ha la pancia. Forse è una pressione che alcune persone si sentono addosso, ma è così. Ti manca qualcosa, quindi cerchi di fare bella figura. 

E poi c'è un'altra dimensione: radersi la testa è un'esposizione completa. I capelli ti permettono di nasconderti, di darti uno stile o di essere come tutti gli altri, mentre una testa calva ti fa risaltare. E questo, all'inizio, non è facile. Ti senti solo, o come il brutto anatroccolo. Per accettare questa esposizione, bisogna sviluppare ulteriori abilità sociali: dall'umorismo alla fiducia in sé stessi e al carisma. Questa vulnerabilità deve essere accettata, abbracciata e superata. 

Perché hai creato il Bold Club? 

Per ridare fiducia a migliaia di uomini e donne che stanno perdendo i capelli. Vogliamo aiutarli a superare questo ostacolo, dire loro che non è grave. Al contrario, lo renderemo più facile e persino desiderabile. Chi lo accetta si presenta bene. È scandaloso che la società nel suo insieme faccia sentire queste persone come un problema.

Desideriamo che le persone calve si sentano rappresentate. Offriremo prodotti con design ecologico specifici per i nostri membri (come questa crema opacizzante), vantaggi (una carta Bold) e servizi dedicati a noi. Prima, i marchi non consideravano affatto le persone calve, se non come un handicap che doveva assolutamente essere corretto con la chirurgia estetica o con prodotti non sani.

La routine di Nicolas

Ecco le semplici abitudini quotidiane per prendersi cura di una testa rasata.

Mi rado quasi ogni giorno con un tagliacapelli senza pettine. Una volta che sono diventati audaci, non si desidera più che i capelli crescano!

01

Mi rado quasi ogni giorno con un tagliacapelli senza pettine.
Una volta che sono diventati audaci, non si desidera più che i capelli crescano!

 Applico una crema opacizzante al mattino, che idrata e previene la lucidità.

02

 Applico una crema opacizzante al mattino, che idrata e previene la lucidità.

La sera: un elisir, un po' di olio secco naturale. Applico alcune gocce sulla testa e sul viso come trattamento notturno.

03

La sera: un elisir, un po' di olio secco naturale.
Applico alcune gocce sulla testa e sul viso come trattamento notturno.

Ogni giorno bisogna proteggere la testa dal sole per evitare macchie. La pelle è fragile.

04

Ogni giorno bisogna proteggere la testa dal sole per evitare macchie. La pelle è fragile.

E questa idea della foresta? 

Vorremmo andare oltre. Ci piacerebbe piantare alberi con i prodotti venduti. Avere la nostra foresta. Dato sulle nostre teste non cresce nulla, vogliamo che cresca altrove, per cercare di avere un impatto positivo sul clima. Questo è il mio hobby personale, ed è condiviso dal Club. Quello che mi piace è trasformare un'idea in realtà.

 

HC_FOOTER_1
Torna all'inizio